Ultimi Articoli di Cristalloterapia

Cristalli per Eccessiva Preoccupazione per gli Altri

E' molto nobile preoccuparsi per il benessere degli altri, ma anche l'atteggiamento più' nobile diventa negativo…

Cristalli per lo Scoraggiamento o la Disperazione

La maggior parte delle persone soffre di scoraggiamento o di disperazione.Questi stati emozionali negativi nascono da…

Cristalli per coloro che hanno Paura

La paura è all'origine di moltissimi tipi di sofferenza, per questo è necessario agire a livello…

Energizzare l'Acqua coi Cristalli

Per energetizzare e caricare l'acqua con le proprietà dei cristalli e consigliabile utilizzare contenitore di vetro…

Cristalli per Coloro che soffrono Incertezza

L'incertezza è la conseguenza della sfiducia in se stessi, nasce dal non sapere cosa accadrà'…

Cristalli per Mancanza di Interesse

Molto spesso si vive il presente con indifferenza o con assenza di interesse, senza nemmeno rendersene…

Cristalli per chi Soffre di Solitudine

La solitudine procura una sofferenza molto forte e nasce sempre da un modo errato di vivere…

Cristalli per Ipersensibilità a Influenze e Idee Altrui

Questa disposizione mentale negativa può' portare anche al fanatismo ed è molto diffusa tra gli associati…

Ibrahim Khawwas racconta come, già in giovane età, decise di seguire l'insegnamento di un certo maestro. Egli cercò quel saggio, lo trovò e gli chiese di diventare suo discepolo. Il maestro rispose: "Non sei ancora pronto".

Visto che il giovane insisteva, il saggio gli disse: "Molto bene, ti insegnerò qualcosa. Sto partendo per il pellegrinaggio alla Mecca. Vieni con me".
Il discepolo era al colmo della gioia. "Dato che siamo ormai compagni di viaggio", disse il maestro, "è necessario che uno comandi e l'altro ubbidisca. Scegli il tuo ruolo".


"Comanda e io ubbidirò", disse il discepolo.
"Io potrò comandare se tu saprai ubbidire", disse il maestro.
Il viaggio ebbe inizio. Una notte, mentre si stavano riposando nel deserto dell'Hejaz, cominciò a piovere. Il maestro si alzò e stese una coperta sopra il discepolo per proteggerlo dalla pioggia.
"Ma tu stai facendo ciò che io dovrei fare per tè", protestò il discepolo.
"Io ti ordino di lasciarmi proteggerà", disse il saggio.


Quando si fece giorno, il giovane disse al maestro: "Oggi è un nuovo giorno. Lascia che sia io il capo, e ubbidiscimi". Il maestro acconsentì.
"Vado a raccogliere dei ramoscelli per accendere il fuoco", decise il giovane.
"Non se ne parla proprio; andrò io a raccoglierli", disse il saggio.
"Ti ordino di restare qui mentre vado a raccoglierli io!", protestò Ibrahim.
"Niente affatto", replicò il maestro, "perché non è conforme alle esigenze del discepolato che il discepolo si permetta di farsi servire dal maestro".


Così facendo, il maestro non perdeva mai un'occasione per mostrare al suo allievo, con esempi pratici, che cosa significava veramente il discepolato.
Giunti alle porte della Città Santa si separarono. Quando, più tardi, il giovane incontrò il saggio, non poté sostenere il suo sguardo. "Ciò che hai imparato", disse l'anziano, "fa parte della natura del discepolato".* * *

Ibrahim Khawwas (II Tessitore di fibre di palma) definisce così la via sufi: "Lasciate che gli altri facciano ciò che deve essere fatto per voi. Fate per voi stessi ciò che dovete fare per voi stessi".
Questa storia sottolinea la differenza tra ciò che l'aspirante discepolo pensa che debba essere la sua relazione con un maestro insegnante, e la realtà di questa relazione.


Khawwas fu uno dei grandi maestri antichi e questo viaggio viene citato nella Rivelazione di ciò che è velato, di Hujwiri, il più antico compendio di sufismo esistente in lingua persiana

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

×
Seguici su Facebook!