Schede di Cristalloterapia

Un minerale può essere programmato tantissime volte, ma prima di ogni nuova programmazione deve essere…
Pulire e Purificare i Cristalli non è una cosa particolarmente difficile, basta solo un pò…
Spiritualità, disfunzioni sessuali, protezione, coraggio, pace, riconciliazione, guarigione, forza. E' collegato con tutti i chakra,…
La sua energia è molto morbida, calmante e angelica è in grado sciogliere i blocchi…
Esalta la naturale bellezza di chi la indossa e aumenta il godimento delle attività piacevoli…
Raramente viene trovato in forma naturale, vi sono molti laboratori di cristalli che offrono bismuto…
Questo Cristallo viene spesso utilizzato nelle cerimonie e nelle iniziazioni, è una pietra potente dalle…
Potenzia l'autoespressione, favorisce il fluire del discorso, conferisce vivacità, forza interna, ispirazione. Varietà fibrosa di…

 

Un ricco mercante di Tabriz che si trovava in difficoltà si recò a Konya per incontrare l'uomo più saggio della città. Dopo aver chiesto consiglio ai capi religiosi, ai giuristi e a molti altri ancora, sentì parlare di Rumi, dal quale si fece accompagnare.
Portava con sé un'offerta di cinquanta monete d'oro. Quando vide il Maulana nella sala delle udienze, fu travolto dall'emozione. Jalaludin gli disse: "Le tue cinquanta monete sono accettate, ma ne hai perse duecento; è questo il motivo per cui sei qui. Dio ti ha punito e ti sta mostrando qualcosa. D'ora in poi tutto andrà bene per tè".


Il mercante era stupefatto per ciò che il Maulana sapeva.
Rumi continuò:
"Hai avuto molti problemi perché un giorno, ai confini occidentali del mondo cristiano, hai visto un derviscio cristiano sdraiato a terra e hai sputato su di lui. Va' a trovarlo, chiedigli perdono e portagli i nostri saluti".


Poiché il mercante continuava a rimanere immobile, atterrito che il saggio avesse letto nella sua mente, Jalaludin aggiunse: "Vuoi che tè lo mostriamo ora?". Sfiorò con un dito una parete della stanza, e il mercante vide la piazza del mercato di una città europea, dove si trovava il santo. Uscì barcollando dalla presenza del maestro, in uno stato di estrema confusione.
Si recò al più presto dal saggio cristiano e lo trovò in prosternazione. Mentre si avvicinava, il derviscio occidentale gli disse: "II nostro maestro Jalal ha comunicato con me".


Il mercante guardò nella direzione indicata dal derviscio e vide, come su uno schermo, Jalaludin che salmodiava: "Sia per il rubino che per il sassolino c'è posto sulla Sua collina, c'è posto per tutto".
Il mercante ritornò da Jalal per portare i saluti del santo occidentale, e si stabilì nella comunità dei dervisci di Konya.* * *

Oggigiorno, la ricerca accademica sta facendo lentamente emergere l'importanza dell'influenza di Rumi sul pensiero e sulla letteratura occidentale. Non c'è dubbio che egli abbia avuto numerosi discepoli occidentali; si ritrovano le sue storie nelle fiabe di Andersen, nelle Gesta Romanorum (1324) e anche nell'opera di Shakespeare. La tradizione orientale ribadisce con insistenza che egli era in stretto contatto con pensatori e mistici occidentali. Questa versione de "II mercante e il derviscio cristiano" è stata tradotta dal Munaqib El-Arifin (Atti degli adepti), di Afiaki (opera completata nel 1353), che racconta la vita dei primi dervisci Mevlevi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

Seguici su Facebook!