Ultimi Articoli di Cristalloterapia

Cristalli per Eccessiva Preoccupazione per gli Altri

E' molto nobile preoccuparsi per il benessere degli altri, ma anche l'atteggiamento più' nobile diventa negativo…

Cristalli per lo Scoraggiamento o la Disperazione

La maggior parte delle persone soffre di scoraggiamento o di disperazione.Questi stati emozionali negativi nascono da…

Cristalli per coloro che hanno Paura

La paura è all'origine di moltissimi tipi di sofferenza, per questo è necessario agire a livello…

Energizzare l'Acqua coi Cristalli

Per energetizzare e caricare l'acqua con le proprietà dei cristalli e consigliabile utilizzare contenitore di vetro…

Cristalli per Coloro che soffrono Incertezza

L'incertezza è la conseguenza della sfiducia in se stessi, nasce dal non sapere cosa accadrà'…

Cristalli per Mancanza di Interesse

Molto spesso si vive il presente con indifferenza o con assenza di interesse, senza nemmeno rendersene…

Cristalli per chi Soffre di Solitudine

La solitudine procura una sofferenza molto forte e nasce sempre da un modo errato di vivere…

Cristalli per Ipersensibilità a Influenze e Idee Altrui

Questa disposizione mentale negativa può' portare anche al fanatismo ed è molto diffusa tra gli associati…

C'è un proverbio che, dice: "l' opposizione dell'uomo di conoscenza è preferibile all' approvazione dell'imbecille".

Io, Salim Abdali, attesto che ciò è vero tanto nelle sfere superiori quanto in quelle dei livelli inferiori dell'esistenza. Questa verità è evidenziata nella tradizione dei saggi, che hanno trasmesso il racconto del cavaliere e del serpente.
Un cavaliere vide dall'alto del suo cavallo un serpente velenoso infilarsi nella gola di un uomo addormentato, e si rese conto che se quell'uomo avesse continuato a dormire, il veleno lo avrebbe sicuramente ucciso.

Di conseguenza prese a frustare il dormiente finché non si svegliò. Non avendo tempo da perdere lo trascinò a forza sotto un albero, ai piedi del quale c'erano delle mele marce; lo costrinse a mangiarle, poi lo obbligò a bere lunghi sorsi di acqua del ruscello.
Mentre cercava continuamente di divincolarsi, l'uomo gridava al cavaliere: "Che ti ho fatto, nemico dell'umanità, per maltrattarmi così?".

Al calar della notte, finalmente, l'uomo, esausto, stramazzò a terra e vomitò le mele, l'acqua e il serpente. Quando vide ciò che era uscito dal suo corpo, capì quanto era accaduto e implorò il perdono del cavaliere.
Questa è la nostra condizione. Quando leggerete questo, non confondete la storia con l'allegoria, ne l'allegoria con la storia. Coloro che hanno ricevuto la conoscenza hanno in cambio delle responsabilità. Coloro che non l'hanno ricevuta non ne hanno, indipendentemente da quello che pensano.

L'uomo che era stato salvato disse al cavaliere: "Se mi avessi avvertito, avrei accettato di buon grado il tuo trattamento".
"Se ti avessi avvertito", rispose il cavaliere, "non mi avresti creduto, oppure saresti rimasto paralizzato dalla paura o saresti fuggito, oppure, ancora, ti saresti riaddormentato per cercare l'oblio. E non ci sarebbe stato più tempo".
Spronando il suo cavallo, il misterioso cavaliere si allontanò al galoppo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

×
Seguici su Facebook!