1. I sacerdoti bianchi e i guerrieri, avendo conosciuto il discorso che Issa rivolgeva ai sudra, decretarono la sua morte e inviarono per questo i loro servi in cerca del giovane profeta,

2. Ma Issa, avvertito dai sudra del pericolo, lasciò di notte la città di Jagarnath, raggiunse la montagna e si stabili nel paese dei Gautamidi in cui aveva visto la luce il grande Buddha Shakya-Muni, in mezzo a un popolo che adorava l'unico e sublime Brahma.

3. Dopo aver appreso alla perfezione la lingua pali, il giusto Issa si dedicò allo studio dei sacri rotoli dei Sutra.

4. Sei anni dopo, Issa, che il Buddha aveva scelto per diffondere la sua santa parola, sapeva spiegare alla perfezione i rotoli sacri

5. allora lasciò il Nepal e le montagne dell'Himalaya, scese nella valle di Rajputan e si diresse verso Ovest, predicando a popoli diversi la suprema perfezione dell'uomo,

6. e il bene che va fatto al prossimo, mezzo che è il più sicuro per annullarsi rapidamente nello Spirito eterno; "Colui che avrà recuperato la propria primitiva purezza - diceva Issa - morirà avendo ottenuto il perdono delle sue colpe e avrà il diritto di contemplare il volto maestoso di Dio".

7. Attraversando regione pagane, il divino Issa insegnò che l'adorazione degli dei visibili era contraria alle legge naturale.

8. "Perché l'uomo - diceva - non ha avuto il dono di vedere l'immagine di Dio e di costruire una follia di divinità a somiglianza dell'Eterno.

9. Inoltre, è incompatibile con una coscienza umana interessarsi più ad animali o ad opere eseguite dalla mano dell'uomo in pietra o in metallo che non della grandezza e della purezza divina.

10. L'Eterno legislatore è uno; non vi sono altri dei all'infuori di lui; non ha diviso il mondo con nessuno, né messo al corrente nessuno delle sue intenzioni.

11. Così come un padre agirebbe con i suoi figli, Dio giudicherà gli uomini dopo la morte, secondo le sue leggi misericordiose; mai umilierà un suo figlio facendone emigrare
l'anima, come in purgatorio, nel corpo di una bestia.

12. La legge celeste - diceva il Creatore per bocca di Issa - prova ripugnanza davanti all'immolazione di sacrifici umani ad una statua o a un animale; perché
ho subordinato all'uomo tutti gli animali e tutto ciò che il mondo racchiude.

13. Tutto è stato subordinato all'uomo, che si trova direttamente e intimamente collegato a Me, suo Padre; chi dunque Mi rapirà il Figlio, sarà severamente giudicato e castigato dalla legge divina.

14. L'uomo e impotente davanti al Giudice eterno, così come l'animale davanti all'uomo.

15. E per questo che vi dico, abbandonate i vostri idoli e non compite cerimonie che vi separano dal Padre e vi legano a sacerdoti dai quali il cielo si
è allontanato.

16. Perché sono loro che vi hanno allontanati dal vero Dio, le cui superstizioni e la cui crudeltà vi conducono alla perversione della mente e alla perdita di ogni senso morale".

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

Seguici su Facebook!