Bianca

Bianca

Camminavo fra gl'intricati spinosi arbusti giacenti

fra le rovine di un castello, l'unica torre si scagliava

solitaria nella stellata notte.

Arrivai tra le macerie di una sala sotto il grande

baluardo, giovani alberi ondeggiavano nel silenzioso vento,

mi sedetti sul davanzale di una finestra, alzai lentamente

lo sguardo e in un 'angolo in cima ai resti del muro che

mi circondava ,vidi il mio leone acquattato e poco distante

la mia aquila curiosa mi osservava.

Il felino avvertì una presenza e la regina dei cieli

la sussurrò al mio cuore, chiusi gl’occhi e sentii lievi

passi avvicinarsi, il fantasma di una giovane ragazza

dimorava in quell'abbandonato luogo, senza riuscire a

trovare il suo meritato riposo.

Lente sincere amare lacrime nacquero sul mio volto,

scivolando silenziose per la sua tristezza, capii il suo

dolore e la sofferenza di chi era morta per l'ignobile

colpa d'aver amato.

Canzoni mi nascono invincibili in petto e il mio spirito

spezza il silenzio cantando dolci melodie per lei, e lei

assorta mi ascoltava seduta vicino all'aquila e delicatamente

l'accarezzava, il suo applauso premiò le mie parole e la

mia anima gli sorrise.

Lei venne al mio fianco, i nostri sguardi s'incontrarono

sprofondando nell'immensità e in quel chiarore ci  abbracciammo

per l'eternità. 

b2ap3_thumbnail_sposa-nella-nebbia.jpg

Dario 11/8/1991 ( a Bianca.)

Vota:
Fenice
Magia...
 

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

Seguici su Facebook!