7 minutes reading time (1411 words)

Asherah, parte III: la Signora dei Leoni

stele_of_qadesh_upper-frame2

In questi giorni una donna nuda che tiene un serpente e cavalca un leone non è la prima immagine che viene in mente quando si pronuncia la parola "santo". Tuttavia, questo è esattamente il titolo della dea al centro dell'immagine sopra. Questo particolare esempio è egiziano, ma questa è una dea cananea (pre-israelita) dell'età del bronzo, che è rappresentata più o meno allo stesso modo in tutta la regione fino alla Siria in quel periodo di tempo.

È chiamata Qadesh (Qudshu), che significa "il Santo". Ma chi è lei? Alcuni dicono una divinità ancora sconosciuta il cui nome è Qadesh. La maggior parte, tuttavia, assume che questo sia un epiteto di una delle maggiori dee cananee. Potrebbe essere Astarte (Ashtart, Ashtoreth biblico), la variante occidentale di Ishtar babilonese, dea del pianeta Venere (a.k. la stella del mattino e della sera) e la dea dell'amore e della guerra. Questa dea era associata a un leone . Ma è più probabile che lei sia Asherah, la Dea Madre, che viene chiamata in alcuni documenti scritti a Qadesh e che spesso riceve il titolo di Signora dei Leoni.

Questa versione egizia proviene dalla ricca era del Nuovo Regno, dopo che l'Egitto aveva cacciato i suoi signori della guerra dell'Asia occidentale, gli Hyksos, e aveva continuato a conquistare i Cananei che adoravano questa dea. È raffigurata sia in Canaan che in Egitto con la parrucca di Hathor, un'antica dea egizia dell'amore e della fertilità, e qui porta anche le corna delle mucche e il disco solare di Hathor. Questi sono senza dubbio destinati a mostrare che questa dea cananea è equiparata a Hathor, che sono aspetti della stessa divina potenza femminile.

Il fiore e la nudità sono simboli naturali della fertilità; il serpente è associato alla saggezza. Ciò si adatta alle prove archeologiche che Asherah era adorato dai Cananei e in seguito dagli israeliti come la Dea Madre e l'Albero della Vita. (Vedi Asherah parte I e parte seconda.) Ma perché Asherah la Signora dei Leoni?

Non conosco la risposta a questa domanda. Ma so che l'associazione di Asherah con i leoni è tutt'altro che unica nel mondo antico. In effetti, la Signora dei Leoni è un'immagine che si estende nel tempo per oltre 6.000 anni e in un'ampia regione geografica fino da Creta minoica ad ovest, all'Anatolia (Turchia) a nord e alla Mesopotamia (Sumer, Babilonia, Iraq moderno) a est. Più di 40 dee in Egitto erano associate a leoni o altri felini. La stessa Asherah continuerebbe a essere raffigurata con leoni dopo l'apogeo dei Cananei e nei giorni in cui Israele era la nazione che governava quella regione.

Spesso, una dea con simbolismo di leone è associata a un dio identificato con il toro. Questo è il caso di Asherah, la cui sposa era originariamente El, il Dio Toro, il Dio Padre dei Cananei. Il mitologo Joseph Campbell associava leoni al sole e ai tori (e ai serpenti) con la luna. Quindi è possibile che qui ci siano resti di un'identificazione antica della Dea del Sole e del Dio della Luna (in modo interessante, al contrario del modello successivo).

Alcune Signore dei Leoni sono guerrieri. Sekhmet, testa di leone, combatteva i nemici del dio sole in Egitto e il leone (a volte tigre) che cavalca la dea Durga combatte i demoni in India. Una delle principali associazioni con i leoni è chiaramente forza, potenza e protezione. Spesso appaiono in posizioni che suggeriscono di sorvegliare una persona o un luogo di importanza. I leoni erano emblemi della tribù dominante di Giuda (la tribù del re David). Secondo la Bibbia ebraica, il trono del re Salomone era ricoperto di avorio, ricoperto di oro e di leoni in evidenza su ciascun lato dei braccioli.

Sei gradini vi conducevano e dodici di loro stavano su di loro, uno ai due estremi di ogni gradino. (I Re 10: 18-20). Il brano biblico non asserisce nulla del genere che sia mai stato visto prima. Forse il trono di Solomone era il più bello di sempre, o forse no, ma i leoni a guardia di certo non erano una nuova idea. In realtà, i leoni sorvegliavano bene i troni delle divinità e dei re, dappertutto, prima, durante e molto dopo il giorno di Salomone. I Leoni sono considerati così potenti che alla fine le loro immagini vennero a proteggere i troni dei re tanto lontano quanto la Cina e l'Inghilterra. Leoni sorvegliavano anche le porte delle grandi città degli antichi imperi dei Babilonesi, degli Ittiti e dei primi Micenei greci.

Le variazioni sul leone servivano spesso come guardiani del sacro. Due cherubini, raffigurati nell'arte antica come leoni alati, a volte con teste umane, si dice che stiano facendo la guardia nel Giardino dell'Eden. (Più tardi i cherubini furono visti come angeli). Due cherubini d'oro sedevano in cima all'Arca dell'Alleanza, proteggendolo con le loro ali. L'enigmatico leone dalla testa umana, la Grande Sfinge, custodisce ancora oggi le Grandi Piramidi.

Forse la cosa più importante, i leoni custodivano i troni delle dee molto prima del giorno di Salomone, forse prima ancora dell'invenzione della regalità. Molto tempo fa, nel passato oscuro delle città neolitiche dei primi agricoltori del mondo in Anatolia, questi giganteschi felini custodivano il trono della Dea. I leoni sono stati i compagni e forse i guardiani della Dea, in altre parole, sin dagli inizi di quella che potremmo chiamare Civiltà Occidentale e si sono diffusi da lì in tutto il Vecchio Mondo.

Le signore del leone

Antica dea il cui nome è sconosciuto a una delle più antiche città dell'umanità, Catal Hoyuk, nell'attuale Turchia. È stata creata circa 8000 anni fa. Foto di Stanisław Nowak, Wikimedia Commons.

La figura a destra è stata creata da un artista sconosciuto circa 8000 anni fa in una città dell'Anatolia chiamata Catal Hoyuk in quello che oggi è il paese della Turchia. Sebbene sia stata creata molto prima dell'invenzione della scrittura, possiamo vedere chiaramente che è una figura di un certo potere, seduta su quello che sembra essere un trono. I suoi braccioli sono sostenuti da due grandi felini, proprio come lo fu 5.000 anni dopo nel tempo di Salomone. Questi sono a volte identificati come leopardi, e potrebbero esserlo, ma mi sembra più probabile che fossero leonesse. All'epoca in cui fu realizzata questa statua, i leoni asiatici vagarono per questa zona e in tutto il resto dell'Asia occidentale. Potrebbero essere trovati ad est come l'India, dove i loro unici discendenti viventi (circa 400 di loro) possono ancora essere trovati oggi.

Notare che la Signora dei Leoni qui è, come Asherah e molte Dee Madre, nuda. Non conosciamo il suo nome, ma la riconosciamo comunque. A meno che lei non rappresenti una regina che inspiegabilmente governa il nudo (un'ipotesi che potrebbe rendere gli studiosi conservatori sempre più a disagio nei loro posti), l'interpretazione di senso comune di questa figura è una dea .

Confronta questa immagine con una statua della dea greco-romana Cibele. Cibele viene originariamente dalla stessa area della dea Catal Hoyuk, solo molto, molto più tardi (6.000 anni dopo). Sebbene i leoni siano spesso considerati un simbolo solare e alcune dee ad essi associate sono dee del sole, Cibele è una dea della terra.

I Romani la chiamavano Magna Mater, o Grande Madre, Madre Montagna e Madre degli Dei. Originariamente una dea della natura, potrebbe essere anche un potente protettore delle nazioni.

La corona sulla sua testa rappresenta le mura di una città ei suoi leoni potrebbero essere trovati attaccati al suo carro.

Fu adottata a Roma verso il 200 aC con la speranza che li avrebbe difesi contro Annibale nella seconda guerra punica. Apparentemente, la fiducia di Roma in lei era ben posizionata, poiché sconfiggevano Annibale e alla fine andavano, naturalmente, a diventare il più grande impero nel mondo antico.

Antica opera è anche la Porta Ishtar, costruita dal re babilonese Nabucodonosor II nel 600 aC circa. Questo era il re che conquistò Giuda e fece prigionieri i suoi abitanti nella sua città. Ishtar, era la dea babilonese dell'amore e della guerra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sotto l'immagine del cancello è un rilievo che mostra la versione precedente di Ishtar, l'antica dea sumera Inanna che può essere vista con un leone al guinzaglio. I Sumeri hanno creato le prime città complesse, la scrittura e la ruota, tra le altre cose, circa 5.000 anni fa.

Credevano che gran parte della loro conoscenza fosse data loro da Inanna, che rubò le tavolette di saggezza dal Dio della Saggezza Enki. 

La Dea dell'Alba
Asherah, Parte II: la sposa del serpente

Related Posts

 

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?
Seguici su Facebook!