16 minutes reading time (3198 words)

Asherah, Parte II: la sposa del serpente

The_Serpent_eve

Il mondo è buono o cattivo? Chi ci ha creati e perché? Queste sono alcune delle domande su cui antichi miti e religioni tentano di rispondere. E le risposte contano. La credenza in una dea che è personificata da Madre Natura è diversa dalla credenza in un creatore guerriero geloso e vendicativo.

È diverso perché modella il modo in cui sentiamo il mondo e ciò che facciamo mentre ci siamo dentro. Quando gli scrittori e i compilatori della nostra religione storica hanno deciso di modificare la dea ebraica Asherah, hanno cambiato il modo in cui vediamo il mondo. Ci hanno cambiato e, così, hanno cambiato il nostro mondo.

Eva e il serpente

Alcuni dei più devoti lettori della Bibbia sembrano inconsapevoli dell'impossibilità di credere letteralmente nei suoi racconti. Prendi la creazione, per esempio. Il racconto della creazione del genere umano da parte degli Elohim (tradotto Dio, ma tecnicamente una parola plurale) in Genesi 1:26 è seguito nei Capitoli 2 e 3 da un'altra storia della creazione che la contraddice su diversi punti chiave.

In questo secondo racconto, il Dio personale Yahweh è dato come il nome del Creatore nel testo originale ebraico. Di questo Dio si parla al singolare, a differenza del primo racconto, in cui Elohim dice "creiamo" l'uomo nella "nostra" immagine. Piuttosto che parlare come capo di un consiglio, Yahweh crea chiaramente da solo. Cammina nel Giardino dell'Eden in cui ha posto le sue creazioni, sottintendendo che Egli ha una forma fisica. Mentre Elohim ha creato sia il maschio che la femmina nella "nostra" immagine, allo stesso tempo, insieme, Yahweh crea solo l'uomo all'inizio. Lo colloca in un giardino con due alberi, l'Albero della Vita e l'Albero della Conoscenza. Gli viene ordinato di mangiare dal primo, ma non il secondo e dice che se mangia dall'Albero della Conoscenza "sicuramente morirà".

Nel primo racconto, non si parla del Giardino dell'Eden o degli alberi magici. Gli esseri umani sono fatti dopo tutto: luce e buio, terra e mare, piante e animali. Dio (o gli dei) pronuncia il bene della creazione e crea l'uomo e la donna per dominare le creature, che sono già state create.

Nel secondo racconto, l'uomo è fatto dopo le piante e gli animali. A differenza del primo racconto, in questa versione della storia, la donna viene creata più tardi, quando gli animali non riescono ad alleviare la solitudine di Adamo. Non è nemmeno concepita allo stesso modo. Adamo è fatto di fango (il suo nome significa sia l'umanità che la terra rossa) e riempito con l'alito di Dio. Eva è fatta dalla costola di Adamo mentre dorme.

L'autore del secondo racconto continua quindi a raccontare quella che è certamente una delle storie più note nella tradizione giudaico-cristiana:

Ora il serpente era più furbo di tutti gli animali selvatici che il Signore Dio aveva fatto. Disse alla donna: "Dio ha veramente detto: 'Non devi mangiare da nessun albero nel giardino'?"

La donna disse al serpente: "Possiamo mangiare i frutti dagli alberi nel giardino, ma Dio ha detto: 'Non devi mangiare i frutti dell'albero che si trova nel mezzo del giardino, e non devi toccarlo, o morirai.' "

"Non morirai sicuramente", disse il serpente alla donna. "Perché Dio sa che quando ne mangerete i vostri occhi saranno aperti e sarete come Dio, conoscendo il bene e il male".

Quando la donna vide che il frutto dell'albero era buono per il cibo e piacevole alla vista, e anche desiderabile per ottenere saggezza, ne prese un po 'e lo mangiò. Ne regalò anche a suo marito, che era con lei, e lo mangiò. Poi si aprirono gli occhi di entrambi e si resero conto che erano nudi; così cucirono insieme le foglie di fico e fecero dei rivestimenti per loro stessi.

Quindi l'uomo e sua moglie udirono il suono del Signore Dio mentre camminava nel giardino nel fresco del giorno, e si nascosero dal Signore Dio tra gli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l'uomo: "Dove sei?"

Rispose: "Ti ho sentito in giardino, e avevo paura perché ero nudo; così mi sono nascosto. "

E lui disse: "Chi ti ha detto che eri nudo? Hai mangiato dall'albero che ti ho comandato di non mangiare? "

L'uomo disse: "La donna che hai messo qui con me - mi ha dato un frutto dall'albero, e l'ho mangiato".

Allora il Signore Dio disse alla donna: "Che cosa hai fatto?"

La donna disse: "Il serpente mi ingannò e io mangiai". (Genesi 3: 1-13)

Dio continua a somministrare diverse punizioni per il reato di mangiare dall'Albero della Conoscenza. Gli umani sono cacciati dal giardino e così impedito di mangiare l'Albero della Vita. L'uomo faticherà nella terra con difficoltà; la donna sarà governata dal marito e darà alla luce bambini che soffrono; il serpente si rotolò sulla sua pancia (alcuni commentatori hanno dedotto da questo che il serpente aveva originariamente le gambe) e odiava gli umani. Due angeli e una spada fiammeggiante proteggono l'entrata del giardino e non possiamo mai tornare indietro.

Il dio serpente

Il grande storico della mitologia Joseph Campbell osserva seccamente che nulla è detto nella storia per indicare che il serpente della storia era una divinità a tutti gli effetti nel mondo antico. Allo stesso modo, va osservato che nessun antico lettore ebraico di questa storia avrebbe avuto alcuna difficoltà nell'identificare l'Albero della Vita con la dea madre Asherah, la cui immagine dell'albero della vita secondo la Bibbia era adorata "sotto ogni albero verde" e che anche risiedeva nel tempio di Salomone per 236 dei 370 anni che sorgeva a Gerusalemme.

Potrebbe anche essere che Eva stessa sia un'allegoria per Asherah, poiché il suo nome significa madre di vita ed è linguisticamente imparentato con quello di Asherah.

Joseph Campbell credeva che il serpente nella storia dell'Eden fosse sollevato direttamente dal dio sumero Enki, dio dell'acqua e della saggezza, o da suo figlio Ningizzida. Entrambi sono stati identificati come divinità del serpente, tra le altre cose. Enki era signore dell cibo e dall'acqua della vita e dalle tavolette della saggezza. Ningizzida era il Signore dell'Albero della Verità. Questi dèi potrebbero essere stati trasportati in Canaan con gli Israeliti dopo che lasciarono la città sumera / babilonese di Ur, o assorbiti dai loro vicini orientali in un secondo momento. (Gran parte della Bibbia ebraica è stata compilata, modificata e riscritta dopo che gli ebrei furono conquistati ed esiliati a Babilonia nel 6 ° secolo aC).

Praticamente tutti i primi 11 capitoli della Genesi vengono riscritti dai più antichi racconti sumeri. In loro, Enki piuttosto che Yahweh crea gli umani dal fango e salva il prototipo di Noè dall'inondazione insegnandogli a costruire un'arca. 

Sappiamo che l'adorazione di Asherah era collegata alla profezia. I serpenti erano anche collegati con saggezza e profezia in tutto il Mediterraneo orientale: in Grecia, l'oracolo di Delfi era chiamato Pizia, dopo un grande serpente (pitone) che fu sconfitto dal dio Apollo; in Sumer / Babilonia il dio Enki era signore dell'acqua e della saggezza e simboleggiava come un grande serpente ambulante (drago), come lo era suo figlio Ningizzida la cui immagine simbolica era un bastone circondato da due serpenti gemellari.

Il dio sumero Ningizzida, appare con due serpenti che si attorcigliano attorno a un palo centrale, come raffigurato su un vaso di Sumer circa 4000 anni fa. Ningizzida era il figlio di Enki. Enki, un dio dell'acqua e il Dio della Saggezza, creò gli umani dall'argilla nel mito sumerico. O uno di loro avrebbe potuto essere l'ispirazione per il serpente di Eden.

Ningizzida era una divinità del mondo sotterraneo e paradossalmente un guardiano del celeste palazzo del dio cielo Anu. Era anche un dio degli alberi. Il dio greco Ermes, messaggero degli dei, aveva anche un bastone intrecciato da serpenti. Questa immagine di conoscenza mistica è stata fusa dalla professione medica con la Verga di Asclepio (originariamente un singolo serpente avvolto attorno a un bastone) che era un'antica immagine di guarigione. Quindi, sia la vita che la conoscenza sono state collegate ai serpenti per un tempo molto lungo e prevalentemente dee.

La Dea Serpente

Nella Creta minoica una misteriosa dea che porta serpenti è molto antica; nella Grecia classica, Atena, Dea della Saggezza, porta il serpente coperto la testa di Medusa sul suo scudo. Nell'antica Canaan si possono trovare immagini di una dea che tiene o circondata da serpenti. Alcuni credono che lei sia Astarte (la versione cananea di Ishtar, che è a sua volta la versione babilonese di Inanna). Si dice che Inanna abbia rubato le tavolette magiche della saggezza, a Enki, e aver consegnato quella conoscenza alla sua stessa gente. Altri credono che la dea del serpente cananeo sia Asherah, in parte perché questa dea è spesso raffigurata in piedi su un leone e Asherah viene anche chiamata la Signora del Leone (argomento per un altro giorno).

La divinità serpente dell'antica Creta, dalla cultura minoica precedente a quella di Israele che commerciava con i primi Canaaniti. 

Asherah è una versione abbreviata del nome completo della dea della madre, che è Athiratu Yammi, lei che calpesta il mare. Yam, il Dio del mare, come molte divinità del mare primordiale, era rappresentato come un serpente. Serpente, acqua e saggezza suggeriscono tutti un legame inconscio con la profondità di ogni cosa, il luogo da cui proviene la creatività. Forse la sua capacità di camminare sull'acqua la identifica come colei che può impugnare i poteri del serpente (poteri di saggezza, profezia e / o guarigione).

Asherah, allora non sarebbe solo la Dea della vita , ma anche della Saggezza. Accompagnata dal suo totem serpente, può dispensare conoscenza dalla profonda sorgente di tutte le cose. Colei che ha creato la vita dall'essenza senza forma sa come creare e può condividere questa capacità con noi. A meno che, naturalmente, non abbiamo il permesso di conoscerla.

E questo è senza dubbio il vero significato del racconto. Perché qui il messaggio al suo antico lettore è chiaro. Sei in questa valle di lacrime perché hai adorato ai piedi della Dea dell'Albero. E nel trasmettere questo messaggio, lo Yahwist capovolge il vecchio significato di questi simboli. Per questa ragione Campbell definisce questa storia un "mito falsamente inventato e contraffatto". Yahweh appare qui come un tiranno. Non inseguire la saggezza, altrimenti soffrirai la mia ira. Inoltre, a differenza di tutti i miti pagani paragonabili, invece di presentare la natura, proprio qui sulla terra, come sacra, ora ci vediamo chiusi fuori dal paradiso.

La natura è il nemico di Adamo; deve faticare e sudare per guadagnarsi da vivere dalla terra. L'uomo è il nemico della donna; lei deve servire suo marito. Sotto la legge del Deuteronomo, infatti, è di proprietà di suo marito, dato uno status non migliore di quello di uno schiavo. Mentre le donne senza dubbio vedevano Asherah in particolare la loro protettrice durante il parto, e ora viene detto che la loro adorazione ha causato tutto il dolore del travaglio....

Questa è una storia molto triste. Nel respingere la dea, ora sappiamo che Yahweh stava infatti respingendo la propria moglie. Asherah era la moglie del Canaanita El in Fenicia e la moglie di Baal in Israele, ma gli archeologi hanno ora scoperto prove di antiche iscrizioni che dimostrano che molti la consideravano anche la moglie di Yahweh.

Il Potere del Serpente

Possiamo certamente trovare le origini delle immagini particolari di Madre della vita, Albero della vita e serpente senza lasciare l'antico Vicino Oriente. Tuttavia, probabilmente vale la pena sottolineare che queste idee sono così diffuse da essere letteralmente in tutto il mondo. Nella mitologia vichinga, l'Albero del Mondo, Yrggdasil, si trova al centro del mondo. Dentro c'è un drago e più sotto ci sono altri serpenti di quanto chiunque possa immaginare. Il Dio Odino si appende all'albero per acquisire potere sulle rune (conoscenza e conoscenza profetica). In Oriente, il potere acqua / saggezza / serpente è considerato benevolo. I draghi cinesi sono dei dell'acqua con poteri su piogge e fiumi e la capacità di conferire buona fortuna.

Il Buddha raggiunse l'illuminazione mentre era seduto sotto l'albero della Bodhi, protetto dalla pioggia

 da un cobra gigante. Nello yoga indù, si dice che un serpente chiamato kundalini risieda alla base della spina dorsale e i praticanti tentano di sollevare il serpente verso l'alto verso la cima della testa, giungendo alla consapevolezza mistica.

Nel Nuovo Mondo, un Dio serpente piumato di nome Quetzalcoatl era il Dio della Saggezza, associato al potere sacerdotale. Anche i serpenti facevano parte della mitologia africana e molte divinità e divinità egiziane, come pure i faraoni, portavano un'immagine di un cobra attorno alle loro teste.

Ci sono solo due spiegazioni per questa diffusa somiglianza di credenze. O l'idea del potere del serpente è un archetipo profondamente radicato nell'inconscio umano (il nostro stesso mare primordiale), o è così antico che ha viaggiato con noi quando alcuni dei nostri antenati uscirono dall'Africa e si sparsero intorno al mondo.

Al contrario di molti dei nostri vicini orientali, noi del cristiano occidentale siamo abituati a pensare ai draghi come ai cattivi. Molti sono anche abituati a pensare al serpente nell'Eden come Satana, ma questo è stato un adattamento cristiano successivo del racconto. Non è mai identificato come tale nella storia ebraica, né è considerato il Diavolo nella tradizione ebraica.

Yahweh Ottiene tutti i Poteri


E ora stiamo per entrare in un territorio piuttosto strano. Ci sono alcune indicazioni che lo stesso Yahweh ha afferrato il Potere del Serpenter. Forse l'immagine più particolare della Bibbia (e questo sta dicendo qualcosa) collega lo stesso Yahweh al serpente. Ci viene detto in 2 Re 18: 4, ad esempio, da un profeta infuriato che il serpente di bronzo di Mosè era adorato accanto all'immagine di Asherah. Il popolo di Israele stava bruciando incenso a questa testa di serpente di bronzo, come farebbero a un dio, e lo chiamarono Nehushtan (collegato a Nachash, la parola ebraica per serpente).

Per prima cosa incontriamo i poteri del serpente di Yahweh in connessione con Mosè in Esodo, capitolo 7, quando sta tentando di persuadere il faraone dell'Egitto a lasciare liberi gli israeliti (che sono schiavi). In questo racconto, Mosè e suo fratello Aaron gettarono ciascuno il proprio bastone ed entrambi si trasformarono in serpenti. I maghi del faraone abbattono i loro bastoni che si trasformano anche in serpenti, ma il bastone serpente di Aaronne procede per ingoiare i serpenti egiziani.

Anche Mosè usa il suo bastone magico per portare le piaghe sull'Egitto. Ecco due esempi:

Allora il Signore disse a Mosè: "Va 'al faraone al mattino, mentre esce verso l'acqua. Aspetta sulla riva del Nilo per incontrarlo e prendi in mano il bastone che è stato trasformato in un serpente. Allora digli: "Il Signore, il Dio degli Ebrei, mi ha mandato a dirti: Lascia andare il mio popolo ... Con questo saprai che sono il Signore. Col bastone che è nella mia mano colpirò l'acqua del Nilo e sarà trasformata in sangue. Il pesce nel Nilo morirà e il fiume puzzerà; gli egiziani non potranno bere l'acqua '"(Esodo 7: 14-18)

E più tardi:

Quando Mosè stese il suo bastone verso il cielo, il Signore mandò il tuono e la grandine, e il fulmine balenò a terra. Così il Signore fece piovere grandine sul paese d'Egitto (Esodo 9:23)

Notare il potere del bastone sulle acque del fiume e del cielo (come quelle del drago cinese). Più tardi ci viene detto, in modo significativo, che questo bastone di serpente divide le acque del Mar Rosso (o Reed):

Quindi il Signore disse a Mosè: "... Alza il tuo bastone e stendi la mano sul mare per dividere l'acqua in modo che gli israeliti possano attraversare il mare sull'asciutto". (Esodo 14: 15-16)

Successivamente, ci viene detto che gli ebrei che vagano nel deserto sono salvati da una piaga di serpenti attraverso un simile serpente magico:

Allora il Signore mandò serpenti velenosi tra il popolo e morse il popolo, così che molti israeliti morirono. Il popolo venne da Mosè e disse: "Abbiamo peccato parlando contro l'Eterno e contro di te; prega il Signore che togli da noi i serpenti ". Così Mosè pregò per il popolo. E l'Eterno disse a Mosè: "Crea un serpente velenoso e mettilo su un palo; e tutti quelli che sono morsi lo guarderanno e vivranno ". Così Mosè fece un serpente di bronzo e lo mise su un palo; e ogni volta che un serpente mordeva qualcuno, quella persona guardava il serpente di bronzo e viveva. (Numeri 21: 6)

Questa è l'immagine del serpente adorata accanto all'immagine dell'albero di Ashera fino allo sgomento dei successivi riformatori.

La sposa del serpente

Come il serpente, la Dea Madre è uno dei simboli più antichi dell'umanità. Spesso raffigurata nuda (come Eva), si trova nei siti del Neolitico e del Paleolitico in Europa e nel Vicino Oriente, ricordandoci che nelle storie originali della creazione, è probabile che l'umanità abbia tracciato un parallelo tra una madre che partorisce da il suo stesso corpo e la terra, o l'universo, dando vita a tutte le cose, compresi noi. Una delle caratteristiche più sorprendenti del Mito dell'Eden è che Eva nasce dal corpo di Adamo, un'inversione abbastanza ovvia del fatto biologico.

Tutti gli uomini sono nati da madri.

Anche una divina coppia di Creatori, come El e Asherah, o Yahweh e Asherah, ha un buon senso metaforico. Ma i sacerdoti jahvisti fecero una domanda del tutto inaudita: dissero che il loro Dio era maschio e governavano da solo. C'era un padre, ma non una madre. Yahweh assorbì l'immagine dell'uomo vecchio barbuto di Canaanite El e della tempesta e della guerra attributi di Dio del dio cananeo Baal. Lasciati indietro c'erano il serpente, l'albero e la madre. Scavando la superficie delle storie della Bibbia solo un po 'e troverai il bastone del serpente e il culto dell'albero di Ashera sotto ogni albero verde, ma nella dottrina monoteistica ufficiale il significato ovvio di questi simboli viene rinnegato.

E così abbiamo perso Asherah, la Sposa di Dio, l'Albero della Vita e l'abilità di accedere alla Saggezza Divina. Credo che questa perdita abbia creato una ferita collettiva nella psiche occidentale, una che viene continuamente riportata nelle nostre storie: Cenerentola coperta di cenere deve essere cercata dal principe che ha solo la sua scarpa; La Bella addormentata viene messa fuori combattimento per 100 anni dalla strega che non è stata invitata alla sua festa, finché anche lei viene trovata dal suo principe; il Graal (un'immagine profondamente femminile / grembo) deve essere ricercato dal vero cavaliere; una leggenda medievale afferma Maria Maddalena come la sposa segreta di Cristo; e Madre Maria è in trono in Cielo (senza mai ammettere chi sia veramente, anche se è ancora raffigurata a volte calpestando un serpente).

Se cerchiamo questa madre perduta e Sposa di Dio, tuttavia, potremmo ancora scoprire che i suoi frutti sono a nostra disposizione. Potrebbe essere che la saggezza e la lunga vita siano ancora qui nel grande giardino creato per noi, maschio e femmina, le uniche creature create a immagine del divino? Nostra madre sta solo aspettando che troviamo la strada per tornare ai piedi dell'albero? Forse quando mangeremo del frutto, gli "occhi della nostra mente", come scrisse un autore gnostico, saranno aperti. Forse potremo finalmente riconoscere che siamo stati nell'Eden tutto il tempo, e quindi possiamo iniziare a lavorare per ricreare il Paradiso Giardino che dovevamo avere tutto il tempo.

Asherah, parte III: la Signora dei Leoni
Asherah, parte I: la sposa perduta di Yahweh

Related Posts