6 minutes reading time (1288 words)

La Stella del mare

La_Nudit_Divina

Afrodite, Dea dell'Amore, la più bella di tutte le dee della Grecia ha un'origine insolita. Era nata dal pene del cielo quando cadde in mare. Il pene in questione apparteneva a Urano, la divinità che era il cielo personificata, ed è atterrato in mare non casualmente.. Fu interrotto da suo figlio Cronus, che in seguito divenne il dominatore di tutte le cose. (Cronus sarebbe stato successivamente deposto da suo stesso figlio Zeus).

Lascia agli antichi greci di aggiungere un elemento di violenza inquietante a una metafora altrimenti perfetta. Togliamo l'aspetto della separazione, tuttavia, e restiamo con una splendida immagine di bellezza femminile, potere e amore che emergono dal mare. Nell'immagine archetipica di Botticelli della scena, salpa sulla riva di Cipro su un guscio di vongole. Ma se la sua nascita è dal grembo del mare, anche il contributo del cielo è importante. Perché Afrodite non è solo una dea del mare; è anche una stella, conosciuta dai Romani (e da noi) come Venere. Più propriamente, lei è un pianeta, ma per gli antichi, il pianeta Venere era la stella del mattino e della sera.

Comunque sia, Afrodite probabilmente viaggiò attraverso il mare. Molto probabilmente in barche fenicie. Questo perché la Dea dell'Amore che è la stella del mattino era già un'antica divinità in Asia occidentale, dove era conosciuta come Astarte, o Ashtart, dai Fenici e Ashtoreth o dalla Regina del Cielo ai loro vicini, gli israeliti.

I Fenici (il nome greco per il popolo che la Bibbia chiama Cananiti) erano ricchi commercianti di navigatori i cui doni alla civiltà occidentale includevano un colorante viola intenso che ottenevano dalle lumache di mare in un processo così costoso che il colore divenne associato ai reali (quindi porpora reale) , un alfabeto con un nuovo modo innovativo di scrivere in cui ogni lettera rappresentava un suono (chiamato alfabeto fonetico) e il Tempio di Salomone, che avevano progettato e decorato. Ovviamente il tempio è ormai scomparso, ma abbiamo ancora la sua descrizione nella Bibbia ebraica, dove rimane un simbolo dell'antico Israele al culmine della sua gloria.

Spesso (con dispiacere dei sacerdoti e dei profeti ebrei), gli ebrei adoravano le stesse dee dei loro vicini. "I bambini raccolgono legna, i padri accendono il fuoco, le donne impastano la pasta e fanno torte di pane per la Regina del Cielo", si lamentò il profeta Geremia. Questo versetto molto probabilmente si riferisce al culto di Astarte.

Di fronte alla loro apparente apatia verso il monoteismo, gli israeliti erano notevolmente impenitenti: "Faremo certamente tutto ciò che abbiamo detto che avremmo: bruceremo incenso alla Regina del Cielo e riverseremo loro delle bevande come noi e i nostri antenati, i nostri re e i nostri funzionari hanno fatto nelle città di Giuda e nelle strade di Gerusalemme. A quel tempo avevamo cibo in abbondanza, eravamo benestanti e non abbiamo subito danni. "

Anche i Cananei e apparentemente molti israeliti adorarono Asherah, che fu descritta dai Cananei come madre degli 70 dei.

Il suo nome completo, secondo i documenti rinvenuti nell'antica città di Ugarit, era Athiratu Yammi, che significa "Lei che calpesta il mare". Asherah era la moglie del dio El, il Dio Padre, che ha fatto la sua casa tra le montagne, alla fonte di due fiumi.

El appare come il principale dio cananeo, ma è anche uno dei nomi di Dio dato nella Bibbia. Le prove archeologiche suggeriscono anche che Asherah fosse considerata la moglie del dio Yahweh, che si presentò a Mosè nel roveto ardente, e il cui nome veniva spesso dato come "il" Dio della tradizione monoteista. Alla fine, i 70 dei del consiglio di El furono sradicati agli angeli o scomparsi del tutto, ma la Bibbia (sostenuta da prove archeologiche) chiarisce che il popolo ebraico continuava ad adorare Ashera, proprio come fecero la Regina del Cielo, non importa quello che i monoteisti pensavano di loro. In effetti alcuni studiosi suggeriscono che Asherah e Astarte fossero in realtà solo due aspetti o varianti della stessa dea, quindi, la stella che cammina sul mare.

Mentre la dea madre una volta camminava sul Mar Mediterraneo a ovest della Palestina, la madre dell'universo babilonese era il mare. Tiamat, la madre degli dei babilonesi, dal cui corpo alla fine si formarono la terra e il cielo, fu chiamato il mare amaro (o salato), in contrasto con il marito, Apsu, che era acqua fresca.

Quando non c'era il paradiso,
senza terra, senza altezza, senza profondità, senza nome,
quando Apsu era solo,
l'acqua dolce, il primo generatore; e Tiamat
l'acqua amara, e quella
tornare al grembo materno, il suo Mummu,
quando non c'erano dei

Quando dolce e amaro
mescolati insieme, nessuna canna era intrecciata, nessuna fretta
infangato l'acqua,
gli dei erano senza nome, senza natura, senza futuro, quindi
da Apsu e Tiamat
nelle acque furono create divinità ...

È interessante notare che anche la madre cristiana di Dio è associata al mare. Anche il significato della versione ebraica del nome di Maria è amaro mare. Miriam, o Maryam, è formata dalla parola per amaro (Mar) e la parola per mare (Yam, proprio come in Athiratu Yammi). Maria è anche conosciuta con l'epiteto Star of the Sea. In latino è Stella Maris. Qui, maris significa mare e stella è stella. Alcuni dicono che l'errore scribale ha causato la formazione di questo epiteto da un'interpretazione originale di Miriam come stilla maris, ovvero una goccia di mare. Ma allora, forse, questo errore era di natura freudiana, o un atto di volontà divina, perché Stella Maris permette a Maria di essere conosciuta dalle antiche immagini della Dea. Coincidenza? Ad oggi è Stella Maris, Stella Maris, che guida sia il marinaio che il devoto cattolico "casa" - il primo a riva e il secondo a Cristo.

 

 

Lakshmi

Nella religione indù, l'oceano nato Lakshmi è la dea della ricchezza e della fortuna. È anche intercessore tra l'orante e suo marito, il Dio Vishnu, che ci ricorda Maria. Come Venere, Lakshmi nasce dal mare e viene raffigurata nell'arte popolare in piedi su oggetti galleggianti - in questo caso, su un fiore di loto. È apparsa dopo che gli dei hanno sfornato l'oceano cosmico per 100 anni usando il serpente Vasuki per trasformare il Monte Mandara.

Trasformarono il mare in latte - forse un riferimento alla Via Lattea - che produsse una bevanda di immortalità e una splendida dea dorata, Lakshmi. (Le connessioni tra il serpente, l'acqua, l'immortalità e la dea possono essere esplorate ulteriormente nel mio post precedente su Asherah.)

Qui iniziamo a vedere che la Dea del Mare è più che una divinità dell'oceano nel senso ordinario; invece lei è del Mare Primordiale, che è l'intero universo. Ci sono stelle infinite in quel mare e siamo circondati da loro non solo negli oceani acquosi che circondano le nostre masse terrestri, ma nelle sfere celesti dei cieli sopra.

In questo filone mi viene in mente la Dea del Cielo Dado che, nella mitologia egizia, viene attraversata ogni notte dal Dio Sole Ra in una barca, e da Hathor, la Vacca Celeste, che è associato a stelle e latte, fertilità e amore. L'immagine di Hathor si confondeva con quella di Asherah (che calpesta il mare) e forse anche Astarte (la Regina del Cielo) nel periodo in cui l'impero d'Egitto governava Canaan.

Il mare qui è Sorgente, la fonte di tutte le cose e anche la sua sostanza. In Tiamat, incontriamo Colui che è la sostanza di tutte le cose. Il Mare Primordiale si separa in cielo e terra e nasce la creazione; gli dei emettono dalla sua sostanza e poi ci creano dalla materia, che è davvero solo ... Lei. Siamo tutti materia oceanica, o, se si preferiscie, roba da star... fatti della sostanza di nostra madre. Lei è il mare e colui che cammina sul mare e la stella che ci guida verso dove dobbiamo essere.

 

La libertà sei tu
Non importa se vedi l'Aura

Related Posts