5 minutes reading time (911 words)

I molti nomi di Iside

Iside

Iside, una dea del cielo molto antica e Regina del Cielo...

Se oggi eseguiamo una ricerca su Google cercando Regina del Cielo, oggi e la maggior parte dei siti che troverete riguardano Maria, la Madre di Dio nella fede cattolica. A un solo clic di distanza ci sono siti per chiese, scuole e altre organizzazioni mariane, e poi siti con informazioni su Maria e molte splendide immagini di Maria.

Tuttavia, se i cittadini del tardo impero romano avessero accesso alla stessa tecnologia, un motore di ricerca simile avrebbe trovato per loro una miriade di siti per i templi di Iside, siti con informazioni su Iside e molte splendide immagini di una tremenda figura femminile, che era associata, come Maria, con i cieli e il cielo, e spesso raffigurato con un figlio, che era un Dio, seduto sulle sue ginocchia.

Questo perché Maria assorbe le caratteristiche della dea del cielo di Iside nell'immaginario europeo, proprio come Iside aveva assorbito quelle di molte altre dee mediterranee prima di lei. Il bisogno umano di immagini di una madre divina è davvero molto antico.


Iside era una Dea molto antica quando Roma governò il mondo. Precede i faraoni e il record storico nell'antico Egitto, e questo sta dicendo qualcosa. Fu prima una dea locale nel nord dell'Egitto che iniziò ad essere venerata qualche tempo prima del 3100 a.C. Col passare del tempo aumentò la sua popolarità e assorbì le caratteristiche di altre dee egiziane, come la dea delle mucche Hathor e la dea del gatto Bast (entrambe identificate inizialmente con il cielo e il sole). Si diceva che fosse la figlia della Dea del cielo Dado e il Dio della Terra Geb.

Era la moglie di Osiride, che morì e rinacque, e divenne Dio dell'Aldilà. Ed è stata spesso raffigurata con il dio bambino Horus seduto sulle sue ginocchia. Madre, Regina del Cielo, e spesso invocata come protettrice, una dea gentile che proteggeva madri, marinai e morti, tra gli altri, la sua popolarità in Egitto prefigurava un seguito ancora più grande in epoche successive. Nel secondo secolo d.C., aveva assorbito i tratti di molte dee greco-romane, e la sua adorazione era così comune in tutto l'Impero Romano che era conosciuta come Iside dei Diecimila nomi. In quel periodo, Lucio Apuleio scrisse di una visita di Iside a Lucius nel suo romanzo L'asino d'oro, descrivendola così:

Quando finii questa preghiera e feci conoscere i miei bisogni alla Dea, mi addormentai, e a poco a poco mi apparve un volto divino e venerabile, adorato anche dagli stessi dei. Poi a poco a poco mi è sembrato di vedere l'intera figura del suo corpo, uscire dal mare e stare davanti a me, e così descriverò il suo aspetto divino, se la povertà della mia lingua umana mi permetterà, o il suo potere divino dammi eloquenza per farlo.

Prima aveva una grande abbondanza di capelli, dispersi e sparsi sul collo, sulla corona della sua testa portava molte ghirlande intrecciate di fiori, proprio sopra la sua fronte c'era un disco a forma di specchio, o simile alla luce della luna, in una delle sue mani portava serpenti, nell'altra, fili di grano, la sua tunica era di seta fina scintillante di vari colori, a volte gialla, a volte rosa, a volte floscia ea volte (che doleva il mio spirito) scura e oscuro, coperto da una tunica nera come uno scudo, e piegato in modo molto sottile alle gonne delle sue vesti, i lividi sembravano piacevoli, mentre qua e là le stelle si allungavano, e nel mezzo di esse era posta la Luna , che brillava come una fiamma di fuoco, intorno alla veste c'era una corona o una ghirlanda fatta di fiori e frutti. Nella mano destra aveva un timbrel di ottone, che dava un suono piacevole, nella sua mano sinistra portava una tazza d'oro, dalla bocca di cui il serpente Aspis alzava la testa, con una gola gonfia, i suoi dolci piedi erano coperto di scarpe intrecciate e battute con la palma vittoriosa.


Così la forma divina che respira il piacevole speziato dell'Arabia fertile, disprezzata non con la sua voce divina, mi fa pronunciare queste parole:

"Ecco Lucio, vengo, i tuoi pianti e le preghiere mi hanno spinto a soccorrerti. Sono lei che è la madre naturale di tutte le cose, padrona e governante di tutti gli elementi, la progenie iniziale dei mondi, il capo dei poteri divino, la regina del cielo, il principale degli dei celesti, la luce delle dee: al mio saranno disposti i pianeti dell'aria, i salutari venti dei mari e i silenzi dell'inferno; il mio nome, la mia divinità è adorato in tutto il mondo in modi diversi, in costumi variabili e in molti nomi, perché i frigi mi chiamano Pessinuntica, la madre degli dei: gli ateniesi mi chiamano Cecropian Artemis: i Cipriani, Paphian Aphrodite: the Candians, Dictyanna: i siciliani, Stygian Proserpine: e gli Eleusi mi chiamano Madre del grano.

Alcuni mi chiamano Juno, altri Bellona delle Battaglie e altri ancora Ecate. Principalmente gli etiopi che abitano in Oriente e gli egiziani che sono eccellenti in tutti i tipi di dottrina antica, e con le loro cerimonie abituate ad adorarmi, mi chiamano Regina Iside. Ecco, io sono venuto per avere pietà della tua fortuna e tribolazione, ecco, sono presente per favorirti e aiutarti.

Abbandona il tuo pianto e il tuo lamento, metti da parte il tuo dolore, poiché ecco il giorno salubre che è ordinato dalla mia provvidenza, perciò sii pronto a seguire il mio comandamento ".

I Divini Amanti
Tu che sei l'Altra Parte di me

Related Posts